Discarica di Elettrodomestici

contatta il form qui sotto oppure visita la pagina contatti

Su Discarica Roma puoi lasciare una descrizione dei materiali che devi smaltire e ricevere un preventivo gratuito e senza impegno.

scegli noi!

professionalità
rapidità
disponibilità 24h
Discarica di Elettrodomestici

richiedi un preventivo

Discarica di Elettrodomestici ecco tutto quello che c'è da sapere

Elettrodomestici: come smaltirli?

 

Entrare nel mondo dei RAEE è come aprire il vaso di Pandora.

Questi sono rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche e le direttive europee li classificano in 10

categorie quali grandi elettrodomestici, piccoli elettrodomestici, apparecchiature informatiche e per

telecomunicazioni, apparecchiature di consumo, apparecchiature di illuminazione, strumenti elettrici ed

elettronici, giocattoli, apparecchiature per il tempo libero e lo sport, dispositivi medici, strumenti di

monitoraggio e di controllo e distributori automatici.

 

In questo articolo ci soffermeremo a parlare di elettrodomestici.

Quante volte vi sarete chiesti come smaltire il vostro vecchio ferro da stiro o la vostra vecchia

aspirapolvere.

 

Questi piccoli o grandi oggetti si trovano nelle nostre case ormai da tantissimo tempo, diventando oggetti di

uso quotidiano. Oggi vi spiegheremo come smaltirli non inquinando l ambiente ma cercando di riciclarli al massimo.

Quando un elettrodomestico non funziona più o ha subito un danno irreparabile diventa un rifiuto.

Ci sono degli obblighi per smaltirli?

Assolutamente si. Questi rifiuti sono i cosiddetti speciali e se gettati nei cassonetti stradali non solo

deturpano l’immagine della città ma inquinano notevolmente l’ambiente.

La cosa migliore da fare è portarlo all’isola ecologica più vicina della tua zona o presso un punto vendita,

che ha l’obbligo di ritirare il vecchio in cambio del nuovo.

 

Ma dal 14 Febbraio 2017 è entrata in vigore una nuova normativa, operativa dal prossimo 18 Giugno,

che semplifica la vita del consumatore: ritiro “uno a zero”, cioè la possibilità di dare indietro un

elettrodomestico usato e vecchio, di piccole dimensioni, max 25 cm, senza l’obbligo dell’acquisto di

uno nuovo, in punti vendita grandi, di almeno 400 mq.

 

Se hai difficoltà a portare il tuo rifiuto in uno dei due posti appena detti potrai anche richiedere il servizio a

domicilio, basta chiamare all’isola ecologica più vicina e prendere appuntamento con loro. Arriveranno al

più presto direttamente a casa tua!

 

E’ importante riciclare questi prodotti perché, oggi, sono composti da materiali riciclabili e in alcuni casi

nobili, che possono essere estratti e utilizzati per creare altri oggetti.

I materiali più recuperati sono il ferro, l’alluminio, l’acciaio, il vetro, il rame ma anche l’argento, l’oro e il

piombo.

 

In altre parole di un elettrodomestico da buttare viene recuperato poco più del 90%!

Direi abbastanza, non credete?

Allo stesso tempo tutti i materiali riciclabili elencati precedentemente sono altamente inquinanti, pericolosi

e dannosi per l’ambiente ma anche per noi stessi.

 

Non bisogna scherzare su questo argomento perché l’abbandono dei rifiuti ti espone ad una sanzione

pecuniaria da 300 a 3000 euro, aumentata fino al doppio in caso si rifiuti speciali e pericolosi, oltre a quelle

previste dai regolamenti comunali per lo scorretto smaltimento.

 

Infine un consiglio che vi possiamo dare è quello di scegliere il prossimo elettrodomestico in base al

risparmio energetico per risparmiare sulla bolletta e migliorare le prestazioni energetiche della vostra casa.

 

Quindi acquistate prodotti di classe energetica A o meglio ancora A+, A++ o A+++, non solo sono ad alto

risparmio energetico, a basso consumo e previsti di Ecobonus con una netta riduzione del prezzo, ma

inquinano decisamente meno l’ambiente!